Mustang… il regno proibito

Mustang…il leggendario regno di LO

Questo piccolo paese incastonato tra Tibet e Nepal è stato indipendente dal 1440 al 1789 quando fu annesso al Nepal e fino al 1992 era considerato il regno proibito in quanto pochissimi occidentali erano riusciti a visitarlo.

Da Pokhara con un piccolo aereo raggiungiamo Jomson dove ha inizio il trekking. Si raggiunge Kagbeni, la porta del Mustang, dove vengono controllati i permessi d’ ingresso visto che questa è un’ aerea dove l’accesso è consentito solo ad un numero ristretto di persone. Dopo 5 giorni di cammino attraversando splendidi villaggi, valli e altopiani  modellati dal vento e dai colori che vanno grigio al rosso al rosa al blu arriviamo a Lo Mantang, capitale del Mustang.  Fino a pochi anni fa qui risiedeva il re Jigme Palbar Bista. Dopo un giorno di sosta per la visita di questo “gioiello” ripartiamo e in altri 4 giorni torniamo a Jomson.

Difficile descrive questi 10 giorni in poche righe; paesaggi straordinari che si susseguono di continuo, montagne di 8000 mt che fanno da sfondo, il fiume Kali Gandaky (fiume nero) che attraversa tutto il Nepal per poi gettarsi nel Gange, l’incontro con la popolazione locale nei villaggi ci fa capire cosa significhi l’ospitalità e la gioia di vivere, gli splendidi monasteri  e una natura incontaminata meriterebbero di essere approfonditi maggiormente. Noi ci limitiamo ad invitarvi a visitare questo meraviglioso paese assicurandovi che non rimarrete delusi.

Carla e Gigi

P.S.:  da alcuni anni c’è una strada che collega Jomson a Lo Mantang. Questa è sicuramente molto utile agli abitanti dei villaggi che riescono a spostarsi più velocemente rispetto a prima, a noi toglie un pò di fascino se pensiamo al luogo incontaminato e isolato che era fino a pochi anni fa.