Santuario dell’Annapurna

Questo è sicuramente uno dei trekking più belli e frequentati del Nepal. Dopo un giorno trascorso a Kathmandu ci trasferiamo a Pokhara, seconda città del Nepal ,caratteristica per il suo lago e per essere punto di partenza di numerosi trekking. Durante i primi giorni del nostro cammino incontriamo numerosi villaggi dove la vita quotidiana scorre tranquilla, qui il paesaggio è caratterizzato da numerosi terrazzamenti coltivati a riso. Salendo, questi campi lasciano posto ad una foresta di rododendri e bamboo. Lunghe scalinate scendono in fondo alla valle per poi risalire sull’ altro versante ed è così fin quando si giunge in prossimità del Machapuchare base camp. Durante tutto il trek siamo accompagnati da vedute spettacolari sul Machapuchare ( fishtail-coda di pesce), sulla catena dell’ Annapurna, sul Hiunchuli e su molte altre montagne.
La notte prima di arrivare al Machapuchare base camp il meteo ci fa una bella sorpresa, nevica. Al mattino lo spettacolo è a dir poco fiabesco. Al campo base del Machapuchare ci fermiamo per una piccola sosta e iniziamo ad assaporare una delle viste più belle delle catena himalayana. Un paio d’ore di cammino ci separano dalla nostra meta, il campo base dell’ Annapurna. Camminiamo piano piano per non perdere nulla di ciò che ci circonda, seguendo la nostra guida Dawa Sherpa. Siamo affascinati dallo spettacolo che la natura ci sta regalando, Annapurna sud 7273mt, Annapurna 8041mt, Annapurna III 7555mt e decine di altre vette che superano i 6000mt. Capiamo il motivo per cui viene chiamato santuario. Durante il nostro trekking pernottiamo nei numerosi lodge che incontriamo, qui non manca nulla e l’accoglienza è sempre festosa. Trascorriamo la notte al campo base dell’ Annapurna in una stanza accogliente ma fredda quanto basta. Di buon ora ci svegliamo per goderci l’alba che lentamente illumina la parete sud dell’Annapurna, emozione e gioia ci fanno dire che vale sempre la pena di soffrire un pò per lo spettacolo che la natura sa offrire. Al ritorno passiamo per Poon Hill. La vista su Annapurna, Dhaulagiri e Machapuchare è unica e spettacolare. Ci rilassiamo un paio di giorni a Pokhara, affittiamo uno scooter e visitiamo la comunità tibetana che vive a pochi chilometri dal centro città. Fatichiamo a capire come questo popolo malgrado i soprusi ricevuti e la lontananza dalla loro terra riesca comunque ad essere felice. Abbiamo ancora molta strada da percorrere.
Carla e Gigi